Per prenotare: +39 347 2601008

Ambiente Marino

blog_ambiente_marino L’Area di Tutela Marina del Parco Naturale Regionale di Porto Venere comprende la parte sud-occidentale dell’Isola Palmaria, le isole del Tino e del Tinetto e la prateria di Posidonia presente nel canale che separa Porto Venere dall’Isola Palmaria. Caratterizzata da svariati ambienti come secche, grotte e pareti rocciose a picco sul mare, offre agli appassionati del mondo sommerso l’incontro con affascinanti organismi dai colori accesi e dalle forme più disparate. Particolarmente interessante è la presenza di tutte le specie di gorgonie, tipici organismi del coralligeno. Troviamo il genere Eunicella, la specie Paramuricea clavata conosciuta come gorgonia rossa e la Leptogorgia sarmentosa: tutte a profondità più basse rispetto a quelle tradizionali. Numerose sono le grotte che proseguono il loro cammino sott’acqua e che permettono la visita sia a natanti che a subacquei: la Grotta sommersa dell’isolotto del Tinetto la cui peculiarità, oltre che la notevole bellezza naturalistica, è quella di comunicare con l’ambiente esterno attraverso una fessura per mezzo della quale la luce del sole, penetra al suo interno creando spettacolari giochi di luce che rendono magica l’immersione; la Grotta Azzurra dell’isola Palmaria così chiamata perchè la luce crea dei riflessi azzurri; la Grotta del Tino; la famosa Grotta Byron situata dietro Punta San Pietro a Porto Venere che pur non facendo parte dell’Area di Tutela Marina, merita di essere segnalata per i suoi fondali ricchi di organismi e per questo molto frequentati dai subacquei. L’Area di Tutela Marina del Parco di Porto Venere, come detto, è caratterizzata dalla presenza di una prateria di Posidonia che, pur essendo di piccole dimensioni, rappresenta un ambiente estremamente importante sia per gli organismi presenti che trovano condizioni ideali di sopravvivenza, sia perchè ottima difesa contro l’erosione delle coste, in quanto barriera naturale al moto ondoso e alle correnti. L’habitat prateria di Posidonia, proprio per le sue peculiarità, è stato inserito all’interno della Direttiva Comunitaria 92/43/CEE (Direttiva Habitat) relativa alla conservazione e all salvaguardia degli habitat presenti sul territorio europeo. Tra le foglie di queste piante si ha un’esplosione di vita: si trovano salpe, boghe, ricci, alghe, labridi, i mimetici pesci ago e cavallucci marini oltre che minuscoli crostacei, molluschi e stelle marine. Per tutte queste ragioni la prateria di Posidonia è stata inserita all’interno dell’Area di Tutela Marina in modo da poter iniziare a creare un sistema di gestione e monitoraggio finalizzato alla tutela e alla salvaguardia di questo importante habitat. Quest’Area rappresenta una piccola perla di notevole bellezza circondata da un paesaggio suggestivo e caratterizzata da una miscela di fattori che la rendono indimenticabile a chiunque visiti i suoi ricchi fondali.


Siti di immersione dell’Area di Tutela Marina di Porto venere

content_immersioniSiti di Immersione dell’Areadi Tutela Marinadi PortoVenere

Il mondo sommerso dell’Area di Tutela Marina del Parco di Porto Venere presenta una varietà di organismi tale che il subacqueo che visita i fondali ne rimane entusiasta e affascinato. Gorgonie, rocce tinteggiate con i colori vivi delle spugne colonizzatrici, pareti ricche di margherite di mare (Parazoanthus axinellae), pesci che danzano indisturbati, aragoste, murene e gronghi che sbucano dai loro nascondigli ed il ricco ed imprevedibile mondo della prateria di Posidonia oceanica creano un mondo sottomarino di incomparabile bellezza. L’arcipelago delle tre isole, Palmaria, Tino e Tinetto, presenta una struttura morfologica dove le falesie a strapiombo, proseguendo il loro cammino sotto il livello del mare, creano ambienti suggestivi particolarmente apprezzati da coloro che praticano attività subacquea, sia questa fatta in apnea che con l’ausilio delle bombole. La continua azione del mare, nel tempo, ha modellato numerose grotte sommerse e semisommerse di natura carsica che permettono agli amanti della speleologia subacquea di avventurarsi in cunicoli più o meno difficoltosi dove li accompagnano giochi di luci e organismi tipici degli ambienti semioscuri. All’interno dell’Area di Tutela Marina è presente una piccola prateria affiorante di Posidonia oceanica – S.I.C IT1345104 – inserita nell’allegato 1 della Direttiva habitat 92/43/CEE per la sua importanza naturalistica. Un habitat ricco di vita dove labridi, salpe, saraghi di prateria, ricci di mare, stelle marine, cavallucci marini e pesci ago popolano questa piccola prateria trovandovi il rifugio ideale e una grande quantità di nutrimento. La prateria di Posidonia è importante anche per il suo ruolo di difesa della costa dall’azione erosiva del mare; infatti la sua massa fogliare crea una naturale barriera che protegge la costa e le spiagge riducendo così la forza altrimenti distruttiva del mare.
Un ambiente ricco di colori, di meraviglie sommerse che rendono quest’area un prezioso tesoro per chi ama entrare a stretto contatto con l’ambiente marino. L’Area di Tutela Marina è stata istituita per garantire la tutela, la salvaguardia delle specie animali e vegetali presenti e per promuovere la conoscenza ed una corretta fruizione di questo ambiente.

 

Cala Grande
Cala Piccola
Secca di Dante
Parete del Tino
Grotta del Tinetto
Secca del Tinetto
Grotta Byron

Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie. Maggiori informazioni

Cookies Privacy Policy
Il sito web del Ristorante Pizzeria Il Timone, con sede in 19025 Portovenere (SP), in Via Olivo, 29 - Titolare, ex art. 28 d. lgs. 196/03, del trattamento dei Suoi dati personali, La rimanda alla presente Policy sui Cookies. In relazione ai suddetti trattamenti il Titolare fornisce, tra l’altro, le seguenti informazioni.
La presente policy sui Cookies (“Cookies Privacy Policy”) deve essere letta insieme alla Privacy Policy consultabile, in un documento separato, nella sezione Privacy presente in home page all’indirizzo internet www.pizzeriailtimone.it. Detta Cookies Privacy Policy ha come finalità quella di descrivere le varie tipologie di Cookies e le tecnologie usate sul sito web di Cheli Antonella per descrivere le modalità e le condizioni di utilizzo degli stessi.
Questo documento contiene le seguenti informazioni:
Cosa sono i Cookies.
Tipologie di Cookies.
Cookies di terze parti.
Privacy e Sicurezza sui Cookies.
Altre minacce basate sui Cookies.
Cookies sul sito de Il Timone.
1. Cosa sono i Cookies.
I Cookies sono dei piccoli file di testo che i siti visitati dall’utente inviano al dispositivo (solitamente al browser). Essi sono memorizzati nella corrispondente cartella del browser mentre l’utente è intento a visitare un sito web, per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alle visite successive. Sono utilizzati con lo scopo di migliorare la navigazione, (il protocollo http è stateless e non riesce a “ricordare” l’utente autenticato che sfoglia le pagine), salvare delle preferenze utente già inserite (username, password, ecc.), tracciare i gusti e le preferenze dell’utente permettendo di poter gestire la presenza o meno di iniziative di marketing mirate o l’erogazione di servizi connessi all’attività del Titolare come newsletter, dem, ecc. Qualora fossero poste delle limitazioni al loro utilizzo, queste avranno sicuramente effetti sullo stato dell’utente durante la consultazione. Il blocco o la rimozione di essi della cache del browser potrebbero causare una incompleta fruizione dei servizi offerti dall’applicativo web.
2. Tipologie di Cookies.
I Cookies di sessione sono Cookies temporanei, che si limitano ad “esistere” per tutta la durata della sessione d’uso dell’utente; quando viene chiuso il browser, detti Cookies vengono eliminati. Sono in genere utilizzati per identificare gli utenti quando accedono ad un sito, per ricordare l’utente e le sue preferenze nel passaggio fra le pagine del sito, per fornirgli informazioni specifiche raccolte in precedenza. L’esempio più comune di questa funzionalità è la funzionalità del carrello di un sito di e-commerce. Per esempio, quando si visita una pagina di un catalogo e di selezione di alcune voci, il Cookie di sessione ricorda la selezione in modo che in un carrello di spesa virtuale gli elementi rimangano selezionati quando si è pronti per l’operazione di checkout. Senza di Cookie di sessione, se l’utente facesse click su checkout, la nuova pagina non potrebbe riconosce le attività passate nelle pagine precedenti e il carrello resterebbe sempre vuoto.
I Cookies persistenti rimangono attivi anche dopo la chiusura del browser e aiutano siti a ricordare i dati e le impostazioni utente per una successiva consultazione. Questo permette un accesso più veloce e più conveniente in termini di tempo dal momento che non è necessario effettuare nuovamente l’accesso. Oltre all’autenticazione, altre funzionalità del sito web sono rese possibili e comprendono: la selezione della lingua, la selezione del tema, le preferenze del menu, i segnalibri o preferiti e molti altri. Durante la visita l’utente seleziona le proprie preferenze ed esse saranno ricordate attraverso l’uso del Cookie persistente durante la visita successiva.
3. Cookies di terze parti.
Esistono varie tipologie di Cookies, alcuni di essi sono definiti di terze parti. Essi sono utilizzati, ad esempio, da parte del sito che per primo il visitatore ha scelto e che contiene annunci provenienti da un altro server o sito web di terza parte. Operativamente il browser raccoglie le informazioni alimentate da fonti differenti in modo che tutti gli elementi siano visualizzati sulla stessa pagina creando così un Cookie nella cartella del browser corrispondente. Tutti questi Cookies possono essere rimossi direttamente dalle impostazioni browser oppure è possibile bloccarne la creazione. In quest’ultimo caso alcuni servizi del sito potrebbero non funzionare come previsto e potrebbe non essere possibile accedere o addirittura, non avendo più il Cookie associato, perdere le preferenze dell’utente: in questo modo le informazioni verrebbero visualizzate nella forma locale sbagliata o potrebbero non essere disponibili.
Web Beacon: detti anche “tracking pixel”, “gif 1×1”, “gif a pixel singolo”, “pixel tag” o “action tag” sono delle immagini grafiche, che in genere non superano le dimensioni di 1 pixel x 1 pixel che vengono utilizzate con lo scopo di raccogliere informazioni anonime sulle modalità di utilizzo di un sito ad opera degli utenti e per offrire contenuti personalizzati. Permettono inoltre di identificare i tipi di browser e le parole inserite nei motori di ricerca dai visitatori usate per raggiungere il sito. I Web Beacon presenti nelle comunicazioni e-mail consentono di sapere se un utente ha ricevuto, aperto o cliccato a dei collegamenti forniti con la e-mail ricevuta.
Cookies Flash o Local shared objects (LSOs): i siti web possono utilizzare dei contenuti Flash, esposti nelle loro pagine, per memorizzare alcune informazioni sul dispositivo. Come per i Cookies HTTP, oggetti condivisi locali possono essere utilizzati dai siti web per raccogliere informazioni sui percorsi intrapresi dagli utenti in merito alla navigazione fra i siti web. Le banche online e gli inserzionisti possono utilizzare oggetti locali condivisi per scopi di monitoraggio.
Functionality Cookies: sono marcatori che ricordano scelte dell’utente e quindi automatizzano alcune procedure o permettono di personalizzazione l’esperienza utente (es. permettono di non far apparire banner pubblicitari in overlay).
Google Analytics: è un servizio offerto da Google Inc. che genera statistiche dettagliate sul traffico di un sito web e le sorgenti di traffico. È il servizio di statistiche più utilizzato. Google Analytics può monitorare i visitatori provenienti da tutti i link esterni al sito, tra cui i motori di ricerca e social network, visite dirette e siti di riferimento. Visualizza anche la pubblicità, pay-per-click, e-mail marketing e collegamenti all’interno dei documenti PDF.
È possibile accedere all’informativa all’indirizzo:
http://www.google.it/analytics/learn/privacy.html.

Chiudi