Per prenotare: +39 347 2601008

content_vitigniL’aspetto più interessante del panorama enologico ligure è la varietà che contraddistingue l’arco di costa ligure. Lungo i circa 270 km che vanno da Ventimiglia a La Spezia abbiamo due stelle DOC di primissima grandezza: il Rossese ad un estremo (ponente) ed il Cinque Terre all’altro estremo (levante).
In mezzo vini sicuramente non meno importanti ma incorporati in aree DOC più estese come quella della Riviera Ligure di Ponente e quella della Colli di Luni. La Riviera ligure di ponente comprende l’Ormeasco , il Pigato ed il Vermentino. La Colle di Luni anch’essa vini bianchi e rossi con un pregiato Vermentino Colle Luni.
Altre zone DOC sono Colline di Levanto (Colline di Levanto Bianco e Colline di Levanto Rosso), Golfo del Tigullio (Golfo del Tigullio Bianco e Rosso, Ciliegiolo ) e Val Polcevera (Bianchetta e Vermentino).
Il panorama vinicolo della Liguria offre una gamma di vini di buon valore ed ottima qualità, seppure con una limitata produzione a testimonianza comunque della bontà della lavorazione. Infatti da una produzione indiscriminata e non particolarmente curata si è passato negli ultima anni ad una lavorazione più curata ed focalizzata a fornire un prodotto di qualità, spesso a scapito della quantità.


 

content_v_bianco_05Bianchetta

Vino di colore giallo paglierino più o meno carico con lievi riflessi verdognoli. Odore lieve ma ampio, intenso, persistente, con sentori di mela, pesca e lievi di resine di conifere e finocchietto selvatico. Sapore secco ma morbido, sapido, discretamente pieno e continuo. 
Alcolicità tra gli 11 e i 12%;
Viene prodotto con uve del vitigno Albarola per almeno l’85%. Si accompagna in bene con minestre di verdure e di bianchetti, risotti con ortaggi di stagione e con frutti di mare, pesci di mare lessi.


 

content_v_bianco_03Colli di Luni

Vino bianco dal colore giallo paglierino e di odore intenso, persistente, fine con sentori di erbe e di fiori di campo e lievi di mela renetta. Il sapore del Vermentino Luni è secco, sapido di corpo leggero ma composto, di ottima continuità. Ha un’alcolicità non inferiore ai 11%;
E’ un vino bianco secco adatto ad accompagnare i piatti tipici regionali come le frittelle di bianchetti, gli ortaggi ripieni, le minestre di verdure, pasta e riso con i fiori di zucchini o con piselli, crespelle agli asparagi, nasello al verde. In generale si sposa bene con tutti i tipi di pesce e le fritture.


 

content_v_rossoCiliegiolo

Vino rosso adatto per una vasta scelta di piatti, dagli antipasti di mare al minestrone alla genovese, lasagne al pesto, risotti, pesce come l’orata al forno con patate o al cartoccio.
Il ciliegiolo ha un profumo delicato ed una equilibrata sapidità. Di colore rosso rubino ha un odore fruttato, intenso e persistente. Sapore sapido, di medio corpo, armonico, con sentori di frutti di bosco.
Alcolicità tra l’11 ed il 12%; Viene prodotto con le uve del vitigno omonimo per l’85%.


 

content_v_rosso_02Rossese Dolceacqua

Colore rosso rubino tendente col tempo al granata. Sapore intenso e variabile da bottiglia a bottiglia. Retrogusto asciutto e corposo, adatto anche all’invecchiamento, dopo 4 o 5 anni accompagna meravigliosamente i piatti di cacciagione. E’ stato il primo dei vini liguri ad ottenere il Doc (Denominazione di origine controllata). Il vitigno è considerato autoctono anche se potrebbe avere un grado di parentela con i vini rossi francesi della regione del Bandol. I due vitigni hanno in comune lo stesso impianto dei vigneti “ad alberello”, unico in Liguria.


 

content_v_rosso_03Pigato di Albenga

Vino d’origine forse greca che giunse in Liguria sulle asciutte colline della Piana di Albenga attraverso la Spagna e la Corsica. Resta incerta l’origine del nome anche se pare che derivi dalle pighe o macchie brune che caratterizzano gli acini dei grappoli maturi. E’ un vino bianco che secondo la terra, la zona, l’esposizione, e la vinificazione assume colore, profumo, aroma e sapore cangianti. Tuttavia le sue caratteristiche generali si possono così riassumere: colore dorato pallido, brillante, trasparente con venatura verdognola se prodotto in zone distanti dal mare. Colore dorato brillante, vivo se prodotto vicino al mare. Profumo sempre intenso di erba e di bosco, di pini e di mare con settore lontanamente fruttato. Gusto: un aroma secco, intenso, caldo che inonda il cavo orale lasciando una persistente traccia di caldo.


 

content_v_bianco_02Vermentino

Il vitigno non tollera i rigori del freddo ed alligna soltanto nel clima temperato della costa. E’ un vino dal colore dorato, limpido, lucente, con tendenza all’ambrato dopo un anno di bottiglia. Profumo delicato di agreste, con finale lievemente fruttato. 
Gusto morbido, flessuoso,sereno e carezzevole. Una lieve abboccatura iniziale che si svolge con grazia in un vellutato amarognolo di fondo. Molto diffuso in Liguria e Sardegna si è a lungo ritenuto originario di entrambi le regioni. E’ invece assodato che si tratta di una varietà di Malvasia approdata in Corsica dalla Spagna intorno al 1300. Dalla Corsica è poi giunto in Provenza dove è conosciuto come Malvoisie Gros Grains.


 

content_v_bianco_06Cinque Terre

E’ forse il vino più famoso della Liguria ed il simbolo dell’enologia ligure. Ricco di una grande tradizione e di una buona notorietà anche oltre confine, è prodotto con uve Bosco (dal 60 al 100%) ed Albarola (da 0 a 40%). La zona di produzione consta di quattrocento ettari di terreno a fasce o balconate, spesso a strapiombo sul mare, compresa nei comuni di Monterosso, Vernazza e Rio Maggiore, tre delle 5 perle che danno il nome alla zona (le altre sono Corniglia e Manarola). L’Unesco ha dichiarato le Cinque Terre “Patrimonio dell’Umanità” a riconoscimento di un contesto ambientale unico al mondo.
Il vino risulta di colore giallo paglierino e di sapore fresco ed asciutto con un profumo delicato di erbe di campo ed un lieve sentore di salmastro. Si abbina favolosamente con piatti di pesce e con i primi piatti tipici della cucina ligure.


 

content_v_rosatoOrmeasco

E’ prodotto con uve dolcetto (dal 95 al 100%) ed altre uve locali a bacca rossa. E’ di colore rosso rubino vivo con un intenso profumo vinoso ed un sapore asciutto e tannico. Il nome rivela a prima vista le sue origini. Ormea è infatti la prima località in territorio piemontese che si incontra dopo aver valicato il Colle di Nava. L’Ormeasco infatti altri non è che il Dolcetto piemontese ma il fatto di esser sceso sui territori accarezzati dal vento di mare lo ha reso diverso con una sua propria personalità. L’Ormeasco è un vino fondamentalmente da tutto pasto ma nella versione Superiore (invecchiamento di minimo un anno e gradazione alcolica superiore a 12,5°) accompagna egregiamente carni rosse ad arrosti.

Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie. Maggiori informazioni

Cookies Privacy Policy
Il sito web del Ristorante Pizzeria Il Timone, con sede in 19025 Portovenere (SP), in Via Olivo, 29 - Titolare, ex art. 28 d. lgs. 196/03, del trattamento dei Suoi dati personali, La rimanda alla presente Policy sui Cookies. In relazione ai suddetti trattamenti il Titolare fornisce, tra l’altro, le seguenti informazioni.
La presente policy sui Cookies (“Cookies Privacy Policy”) deve essere letta insieme alla Privacy Policy consultabile, in un documento separato, nella sezione Privacy presente in home page all’indirizzo internet www.pizzeriailtimone.it. Detta Cookies Privacy Policy ha come finalità quella di descrivere le varie tipologie di Cookies e le tecnologie usate sul sito web di Cheli Antonella per descrivere le modalità e le condizioni di utilizzo degli stessi.
Questo documento contiene le seguenti informazioni:
Cosa sono i Cookies.
Tipologie di Cookies.
Cookies di terze parti.
Privacy e Sicurezza sui Cookies.
Altre minacce basate sui Cookies.
Cookies sul sito de Il Timone.
1. Cosa sono i Cookies.
I Cookies sono dei piccoli file di testo che i siti visitati dall’utente inviano al dispositivo (solitamente al browser). Essi sono memorizzati nella corrispondente cartella del browser mentre l’utente è intento a visitare un sito web, per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alle visite successive. Sono utilizzati con lo scopo di migliorare la navigazione, (il protocollo http è stateless e non riesce a “ricordare” l’utente autenticato che sfoglia le pagine), salvare delle preferenze utente già inserite (username, password, ecc.), tracciare i gusti e le preferenze dell’utente permettendo di poter gestire la presenza o meno di iniziative di marketing mirate o l’erogazione di servizi connessi all’attività del Titolare come newsletter, dem, ecc. Qualora fossero poste delle limitazioni al loro utilizzo, queste avranno sicuramente effetti sullo stato dell’utente durante la consultazione. Il blocco o la rimozione di essi della cache del browser potrebbero causare una incompleta fruizione dei servizi offerti dall’applicativo web.
2. Tipologie di Cookies.
I Cookies di sessione sono Cookies temporanei, che si limitano ad “esistere” per tutta la durata della sessione d’uso dell’utente; quando viene chiuso il browser, detti Cookies vengono eliminati. Sono in genere utilizzati per identificare gli utenti quando accedono ad un sito, per ricordare l’utente e le sue preferenze nel passaggio fra le pagine del sito, per fornirgli informazioni specifiche raccolte in precedenza. L’esempio più comune di questa funzionalità è la funzionalità del carrello di un sito di e-commerce. Per esempio, quando si visita una pagina di un catalogo e di selezione di alcune voci, il Cookie di sessione ricorda la selezione in modo che in un carrello di spesa virtuale gli elementi rimangano selezionati quando si è pronti per l’operazione di checkout. Senza di Cookie di sessione, se l’utente facesse click su checkout, la nuova pagina non potrebbe riconosce le attività passate nelle pagine precedenti e il carrello resterebbe sempre vuoto.
I Cookies persistenti rimangono attivi anche dopo la chiusura del browser e aiutano siti a ricordare i dati e le impostazioni utente per una successiva consultazione. Questo permette un accesso più veloce e più conveniente in termini di tempo dal momento che non è necessario effettuare nuovamente l’accesso. Oltre all’autenticazione, altre funzionalità del sito web sono rese possibili e comprendono: la selezione della lingua, la selezione del tema, le preferenze del menu, i segnalibri o preferiti e molti altri. Durante la visita l’utente seleziona le proprie preferenze ed esse saranno ricordate attraverso l’uso del Cookie persistente durante la visita successiva.
3. Cookies di terze parti.
Esistono varie tipologie di Cookies, alcuni di essi sono definiti di terze parti. Essi sono utilizzati, ad esempio, da parte del sito che per primo il visitatore ha scelto e che contiene annunci provenienti da un altro server o sito web di terza parte. Operativamente il browser raccoglie le informazioni alimentate da fonti differenti in modo che tutti gli elementi siano visualizzati sulla stessa pagina creando così un Cookie nella cartella del browser corrispondente. Tutti questi Cookies possono essere rimossi direttamente dalle impostazioni browser oppure è possibile bloccarne la creazione. In quest’ultimo caso alcuni servizi del sito potrebbero non funzionare come previsto e potrebbe non essere possibile accedere o addirittura, non avendo più il Cookie associato, perdere le preferenze dell’utente: in questo modo le informazioni verrebbero visualizzate nella forma locale sbagliata o potrebbero non essere disponibili.
Web Beacon: detti anche “tracking pixel”, “gif 1×1”, “gif a pixel singolo”, “pixel tag” o “action tag” sono delle immagini grafiche, che in genere non superano le dimensioni di 1 pixel x 1 pixel che vengono utilizzate con lo scopo di raccogliere informazioni anonime sulle modalità di utilizzo di un sito ad opera degli utenti e per offrire contenuti personalizzati. Permettono inoltre di identificare i tipi di browser e le parole inserite nei motori di ricerca dai visitatori usate per raggiungere il sito. I Web Beacon presenti nelle comunicazioni e-mail consentono di sapere se un utente ha ricevuto, aperto o cliccato a dei collegamenti forniti con la e-mail ricevuta.
Cookies Flash o Local shared objects (LSOs): i siti web possono utilizzare dei contenuti Flash, esposti nelle loro pagine, per memorizzare alcune informazioni sul dispositivo. Come per i Cookies HTTP, oggetti condivisi locali possono essere utilizzati dai siti web per raccogliere informazioni sui percorsi intrapresi dagli utenti in merito alla navigazione fra i siti web. Le banche online e gli inserzionisti possono utilizzare oggetti locali condivisi per scopi di monitoraggio.
Functionality Cookies: sono marcatori che ricordano scelte dell’utente e quindi automatizzano alcune procedure o permettono di personalizzazione l’esperienza utente (es. permettono di non far apparire banner pubblicitari in overlay).
Google Analytics: è un servizio offerto da Google Inc. che genera statistiche dettagliate sul traffico di un sito web e le sorgenti di traffico. È il servizio di statistiche più utilizzato. Google Analytics può monitorare i visitatori provenienti da tutti i link esterni al sito, tra cui i motori di ricerca e social network, visite dirette e siti di riferimento. Visualizza anche la pubblicità, pay-per-click, e-mail marketing e collegamenti all’interno dei documenti PDF.
È possibile accedere all’informativa all’indirizzo:
http://www.google.it/analytics/learn/privacy.html.

Chiudi